Importante accordo: Università e la University of Economics and Business School of Economics di Pechino

Lunedì 22 maggio, l’Università di Tor Vergata (Roma) – assieme alla quale il CSCC ha organizzato la summer school “Understanding global China” – sarà teatro della firma di un importante accordo per un programma double degree tra la stessa Università e la University of Economics and Business School of Economics di Pechino. Al link seguente sono disponibili tutte le info per partecipare a questo evento:http://www.cscc.it/eventi/p/ceremony-for-the-double-degree-programme—msc-in-business-admini Vi segnalimo inoltre che il 5 giugno p.v. presso la Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, via della Dogana Vecchia, 29, Roma, su iniziativa dell’Osservatorio sulla Codificazione e sulla e sulla Formazione del Giurista in Cina nel quadro del Sistema Giuridico Romanistico, della “Sapienza” Università di Roma, dell’Università di Roma “Tor Vergata”, dell’Università della Cina di Scienze Politiche e Giurisprudenza (CUPL), del Consiglio Nazionale delle Ricerche – Dipartimento di Scienze umane e sociali, verrà presentato il IX volume della collana “Diritto cinese e sistema giuridico romanistico. Leggi tradotte della Repubblica Popolare Cinese” – Legge sulla sicurezza alimentare. Ulteriori info su questo evento al link seguente: http://www.cscc.it/upload/doc/std-senato.pdf

Con i FAZI torna il rock cinese a Milano

Dopo il successo del tour degli Hiperson lo scorso settembre, sabato 22 aprile torna a Milano il rock cinese con il concerto dei FAZI, gruppo di Xi’an dalle sonorità post punk. Il concerto inizierà alle 18:00 e rientra nell’evento “Fuoriorario Diurno”, che si terrà presso la Cascina Autogestita Torchiera Senz’Acqua (Piazzale Cimitero Maggiore 18, Milano) a partire dalle 15:00. Ingresso gratuito per gli iscritti alla mailing list previa registrazione al seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-il-rock-cinese-a-milano-concerto-fazi-33850134664

Per maggiori informazioni: http://www.istitutoconfucio.unimi.it/evento/rock-cinese-torna-milano-fazi/

Trump spiegato ai cinesi

Corriere della Sera

Che cosa deve pensare di Donald Trump il gruppo dirigente cinese, cultore della stabilità e della prevedibilità? A Pechino è arrivato Rex Tillerson, il capo della diplomazia americana, per più di trent’anni al vertice del colosso petrolifero Exxon. Un uomo d’affari appena passato alla politica, come il presidente. Mentre il suo inviato volava verso la Città Proibita, Trump ha lanciato un altro tweet: «La Cina ha fatto poco per aiutare» nella crisi nordcoreana. Sul tavolo ci sono minacce di azione militare preventiva contro Kim Jong-un e sanzioni anche contro gli interessi di Pechino. Leggi tutto l’articolo

特朗普 questa la trascrizione in lingua cinese del congnome del Presidente degli U.S.A., i caratteri significano rispettivamente: speciale, luminoso, popolare. Come l’etichetta vuole, per i nomi di persone alle quali si tributa stima, per la storia personale o la posizione che occupano, la traduzione è lusinghiera.

Per saperne di più sui nomi in lingua cinese clicca qui

Rassegna di film cinesi

Un’altra rassegna cinematografica: questa volta si tratta di film recenti e mai usciti nelle sale italiane, selezionati da Clarissa Forte, esperta di cinema cinese, tra quelli proiettati durante l’ultima edizione del Far East Film Festival di Udine. A dare il via alla rassegna, giovedì 16 marzo, “Chongqing Hot Pot” (2016), una commedia criminale fatta di elementi tipici del cinema commerciale e di genere, del regista Yang Qing. Ingresso gratuito. Presso il Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione (piazza I. Montanelli, 1 – Sesto San Giovanni). Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli in inglese. Ogni film sarà introdotto da Clarissa Forte.

Per maggiori informazioni: http://www.istitutoconfucio.unimi.it/evento/cinacinema-rassegna-film-cinesi/

La Cina e il calcio globale. Aspetti culturali ed economici del caso Inter

Martedì 14 marzo, dalle 10:00 alle 13:30, presso il Polo di Mediazione di Sesto San Giovanni (piazza Montanelli 1), relatori provenienti dal mondo istituzionale, sportivo, giornalistico e accademico offriranno prospettive originali sul fenomeno “Cina e calcio globale”, partendo dal caso di F. C. Internazionale: dal calcio come spazio culturale e di mediazione, alle reazioni della stampa italiana e cinese alla notizia dell’acquisizione di F.C. Internazionale; dall’analisi del significato commerciale e finanziario degli investimenti cinesi nello sport globale, alle strategie del marketing sportivo; con in più una testimonianza diretta dello stesso club milanese. Un’occasione senza precedenti per affrontare un fenomeno sempre più attuale, che riguarda ben più che il mondo degli stadi.

Per maggiori informazioni: http://www.istitutoconfucio.unimi.it/evento/la-cina-calcio-globale-caso-inter-aspetti-culturali-ed-economici/

In Cina e Asia – Delegati miliardari

da: China files
Domenica 5 marzo si apre la sessione annuale delle cosiddette due assemblee, l’Assemblea Nazionale del Popolo e la Conferenza politico consultiva. In vista dell’appuntamento, Hurun ha fatto i conti in tasca ai delegati. I 200 più ricchi hanno accumulato un patrimonio complessivo di 3.500 miliardi di yuan, pari a 507 miliardi di dollari. Non solo, nei quattro anni di presidenza Xi Jinping primi 100 sono diventati ancora più ricchi. Il loro patrimonio è infatti passato da 1.600 miliardi di yuan a 3.000 miliardi. Dal 2002 anche gli imprenditori privati possono sedere tra i banchi delle due assemblee, la prima sorta di organo legislativo e la seconda un’istituzione consultiva e di indirizzo, nella quale sono cooptati i rappresentati del mondo degli affari, della scienze, delle minoranze nazionali e della cultura. Tra i nomi dei delegati spiccano pertanto alcuni dei personaggio più in vista della finanza e dell’economia cinese, come il fondatore di Tencent, Ma Huateng, o quello di Baidu, il Google cinese, Robin Li. Leggi tutto