Troppo lavoro, niente nozze. I single spaventano la Cina
Francesco Radicioni
Pechino

Se non bastavano le pressioni e le domande indiscrete dei genitori, adesso anche il partito comunista ha deciso di aiutare i giovani cinesi a trovare la propria anima gemella. Nei giorni scorsi, He Junke, dirigente della lega per la gioventù comunista, ha detto che Pechino vuole risolvere il problema degli appuntamenti romantici e dei pochi matrimoni tra i ragazzi. «Con lo sviluppo della società cinese, l’età in cui i giovani si sposano e hanno figli si è spostata in avanti rispetto al passato», ha notato He. «I ragazzi cominciano a pensare al matrimonio solo quando hanno 25 o 26 anni, a quel punto possono trovare il proprio partner ideale solo all’interno di un circolo sociale piuttosto ristretto».

leggi tutto su La stampa

Le Universiadi della discordia. Taipei riscopre di essere cinese

www.lastampa.it

C’è un problema di bandiere alle Universiadi. Se ne vedono decine e nessuna è al posto giusto. Quelle tra il pubblico sono di Taiwan: rosse, con il sole in campo blu, sventolate con orgoglio. Quella che si alza nella cerimonia di apertura è di Taipei-Cina ed esiste solo per lo sport. Quelle che girano per lo stadio dovrebbero avere dietro una squadra, ma si muovono solitarie e quelle spiegazzate, tirate fuori dalle tasche e appese agli zaini dei ragazzi delle nazionali dovrebbero seguire un prot…continua

Giulia Zonca

 

 

L’Associazione Nuova Generazione Italo-Cinese (ANGI)


L’ANGI è un’associazione senza scopo di lucro, fondata spontaneamente da giovani Cinesi residenti in Italia. Il suo scopo è quello di incoraggiare la collaborazione e l’aiuto reciproco fra i Cinesi della nuova generazione, impegnarsi per una buona integrazione nella società italiana, salvaguardare i diritti della comunità cinese, ottenere una maggiore considerazione all’interno della società e promuovere lo sviluppo di rapporti amichevoli tra Italiani e Cinesi. Leggi tutto

Torna il cinema cinese a Milano! Dopo aver aperto l’anno con “Gli imperdibili cinesi”, la rassegna cinematografica che ha tracciato un percorso dagli anni ’80 ai 2000 attraverso sei film considerati i must cinesi, siamo ora pronti per esplorare il cinema cinese di oggi. Arriva a Milano una rassegna dedicata agli spazi meno esplorati della Cina contemporanea: The East Space, in programma dal 14 al 16 luglio al CineWanted, Spazio Avirex (Via Tertulliano, 68 – Milano – per info 335 6058280). L’iniziativa è organizzata dall’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con l’associazione Dong, Same Same Factory e con il patrocinio di Fondazione Italia Cina. Continue reading The East Space, il cinema cinese a Milano